Torna alla Home
Torna alla Home

News

Ti trovi in: Home  »  Iniziative svolte  »  2009 marzo MINERVA NON SI ARRENDE
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

2009 marzo MINERVA NON SI ARRENDE

Donne in cammino tra un tempo già trascorso e l'oggi

Presentazione del volume "Minerva non si arrende" di Raffaella Baraldi

Roma, Campidoglio, Sala del Carroccio,

Alcune amiche intorno ai sessanta, anno più anno meno, si chiedono se è possibile mettere ordine nelle ansie, nei dubbi, nelle contraddizioni che questa fase della vita incomincia a scatenare.

L'uscita dal lavoro, l'assottigliarsi della famiglia, l'approfondirsi delle rughe,l'avanzare del disincanto rappresentano un comune sentire, mentre le soluzioni vagamente pensate percorrono strade personalissime, a volte insoddisfacenti.

E' possibile analizzare meglio i problemi e trovare una strategia di resistenza sostenibile? L'esercizio ha permesso di delineare un percorso più consapevole descritto nel volume " Minerva non si arrende. Donne in cammino fra un tempo già trascorso e l'oggi". La riflessione avviata prende le mosse dalla grande smobilitazione delle donne nuove all'approssimarsi della età senile.

Chi sono le donne nuove? Sono quelle che a partire dalla seconda metà del '900 hanno perseguito percorsi di autoaffermazione e di crescita personale al di fuori dei tradizionali modelli matrimonio-procreazione-vita familiare. Hanno voluto fare anche altro: ricerca di identità attraverso il lavoro,confronto e scontro con le regole del gioco maschili, affermazione della propria dignità in ambito familiare, ricerca di autonomia economica, investimento sulle proprie risorse.

Le generazioni di donne che hanno dipanato i loro progetti di vita lungo i binari descritti rischiano di deragliare quando, all'uscita del mercato del lavoro, trovano il deserto attuale di opportunità, stereotipi da donna anziana legati al passato, quando la famiglia numerosa e pesante rappresentava l'unico ambito di riferimento.

Per superare l'ideologia dell'invecchiamento come brutta anomalia, per sgomberare il campo dai pregiudizi, per sviluppare il coraggio creativo che è in noi, ci siamo messe insieme , abbiamo fondato l'Associazione "Lei Puo'" stiamo diventando tante e… stiamo andando proprio di corsa.


Chiedi informazioni Stampa la pagina