Torna alla Home
Torna alla Home

News

Ti trovi in: Home  »  Iniziative svolte  »  15 APRILE 2015 IL MONDO FRA 30 ANNI
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

15 APRILE 2015 IL MONDO FRA 30 ANNI

una strategia sostenibile

Il mondo fra 30 anni

Il 15 Aprile 2015 con il Prof. Paolo Saraceno abbiamo disacusso sulle cause dell' esaurimento delle risorse ambientali e le possibili scelte per favorire uno sviluppo sostenibile.

Si è trattato di un vero allarme circa il consumo di acqua, di terra, di cibo, di energie fossili, di tutte quelle risorse naturali che molti ancora considerano inesauribili, tanto più preoccupante in quanto siamo in presenza di una crescente domanda dovuta all'aumento della popolazione mondiale soprattutto nei paesi emergenti. Ad esempio la popolazione africana nel periodo 1950-2050 aumenterà del 25%, la sola Uganda in 70 anni passa da 7 milioni a 130.

Le soluzioni per saziare la fame di energia appaiono diversificate considerando che, ad esempio, fra 30 anni avremo bisogno del doppio del cibo di oggi.

Si tratta di dar vita ad un quadro d'insieme di azioni in grado di fornire risposte alcune a breve termine altre di tipo strutturale con risultati in progress.

Innanzitutto si tratta di mettere meglio a frutto conoscenze che già possediamo, perché, come ha scritto K.Hubbert " La nostra ignoranza non è vasta quanto il nostro fallimento nell'usare quello che conosciamo". Molte volte le scelte sono dettate da falsi miti piuttosto che basate sulla evidenza scientifica.

L'appello è rivolto alla diffusione dell'informazione, della formazione,della cultura, alla correttezza dell'informazione diffusa prevalentemente dai mass media, perché la popolazione assuma e richieda comportamenti corretti.

Un secondo asse strategico riguarda una pluralità di azioni. L'investimento nella ricerca nel campo delle energie rinnovabili al fine di utilizzare ogni forma di efficienza energetica che non produce gas serra; il freno alla dispersione di risorse economiche con incentivi indifferenziati per iniziative, ad esempio energia eolica o solare, laddove le caratteristiche del territorio non consentono una resa significativa; l'utilizzazione delle conoscenze che già abbiamo per produrre combustibili non fossili; la attivazione del ciclo dei rifiuti per produrre biodisel.

Per saperne di più


Chiedi informazioni Stampa la pagina

Vedi anche