Torna alla Home
Torna alla Home

News

Ti trovi in: Home  »  Iniziative in corso  »  4 Febbraio 2016 ALCUNE BUONE RAGIONI PER PARLARE DI IMMIGRAZIONE
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

4 Febbraio 2016 ALCUNE BUONE RAGIONI PER PARLARE DI IMMIGRAZIONE

ALCUNE BUONE RAGIONI PER AFFRONTARE IL PROBLEMA DEI FLUSSI MIGRATORI: INVITO A UN CONFRONTO

Roma, 4 febbraio 2016, ore 15,30

presso AICCRE, Associazione italiana Consiglio Comuni Regioni d'Europa, Piazza Fontana di Trevi, 86

L'immigrazione è ormai considerata la principale questione che tocca noi cittadini nonché le istituzioni europee.

Si tratta di una migrazione apocalittica di donne, uomini e bambini che cercano innanzitutto di sopravvivere.

Il fenomeno è fonte di grande preoccupazione: flussi non programmabili e sempre più intensi, confronto fra diverse culture e religioni, sottrazione delle già scarse opportunità di lavoro, diffusione di nuove malattie, comportamenti aggressivi e, da ultimo, ma primo in assoluto nelle graduatorie delle paure, il terrorismo.

Non possiamo attendere che passi, perché si tratta di un fenomeno strutturale che già sta cambiando le nostre vite, né serve esorcizzarlo con il linguaggio dell'odio.

E' più utile prendere atto della non transitorietà del fenomeno, valutarlo per prefigurare uno sviluppo della nostra società nella direzione della multiculturalità. Del resto i giovani già stanno acquisendo consapevolezza e comportamenti orientati in tal senso per il 66% di un campione di intervistati, mentre gli adulti sono disponibili per il 56% e solo il 37% degli anziani lo è.

Abbandoniamo diffidenza e timore , utilizziamo le nostre risorse conoscitive ed anche la nostra curiosità che da sempre ci hanno spinto a cercare nuove spiegazioni nei diversi campi e che ci hanno consentito di costruire la nostra storia con l'immaginazione di nuovi modelli di sviluppo.

Incontriamoci numerosi per confrontare le nostre paure, riflessioni, emozioni ed affrontare con responsabilità il dramma della nostra generazione.

Ne discuteranno con noi esperti del Censis e delle Istituzioni europee. Vi aspettiamo!!!!!


Chiedi informazioni Stampa la pagina

Vedi anche